mercoledì 7 dicembre 2016

0 Tutorial - Copic 5+1 : come sfruttare pochi colori 1

Ohlallà!


Oggi sono qui per parlarvi dei set 5+1 Copic Ciao: si tratta di una gran varietà di mini set già composti per tema, contenenti 5 Copic Ciao assorti e in più un blender O un multiliner nero 0.3.


Il vantaggio di questi set è che sono composti da professionisti, lo svantaggio è che chi li compra attratto dal "+1" pensando di fare un affarone poi si ritrova magari a non saperli abbinare.



Ci sono scelte molto scontate come il set pelle, o il set di grigi caldi o freddi, o quello dei toni pastello. si sa, i colori chiari sono più facili da abbinare... quelli intensi o scuri sono già più difficili!


Quindi, se potete, acquistate magari sempre un paio di set, uno chiaro e uno scuro, così da avere più possibilità e ombreggiare i toni chiari con quelli più scuri! Se non potete... beh, visto che il post che feci qualche tempo fa con due disegni realizzati con 6 colori ebbe molto successo, ho deciso di mettermi alla prova e riproporre la sfida con questi set,  con cui mi cimenterò nei miei prossimi tutorial. 


Quello di oggi tratta il set denominato "Vampire Knight", composto da toni scuri e spenti, nel dettaglio E47 - R59 - YG67 - E00 - C-3 ed un multiliner. ed ecco i due disegni che ho realizzato!


Come vedete, nella lista dei colori sono segnati dei materiali extra: tre matite colorate e una penna nera Bic. questi materiali serviranno per tonalizzare le tinte disponibile e creare piccole variazioni che faranno sembrare i disegni più elaborati.


per prima cosa ho deciso le tinte, sapevo che quello di destra sarebbe stato più cupo e spento, così sono partita da uno sfondo nero. un nero qualsiasi, pennarello, fude, multiliner, copic, quello che avete non è importante! poi l'ho sfumato verso la testa tratteggiando finemente con una bic nera. 
Quando la bic viene sciolta con l'alcol diventa leggermente violacea, quindi sarà una sfumatura un pò più interessante del semplice grigio.



Parlando di grigio, devo passsarlo anche sul pelo del lupo, ma qui, per variarlo, oltre alla bic, passo anche un po' di matita colorata blu, per un riflesso più freddo/argentato.



Prima di dimenticarmi, con la penna acrilica bianca Molotow passo una lunetta nella parte inferiore degli occhi di cappuccetto rosso. 


lo faccio perchè il colore prende meno su una superficie non assorbente come l'acrilico e quindi in quel punto rimarrà più chiaro. Un leggero tratteggio a bic in cima, invece ,aiuterà ad ombreggiare l'occhio per dargli profondità


Già che avevo il grigio C3, l'ho usato anche per ombreggiare la pelle del disegno a destra, così otterrà un tono più spento rispetto a cappuccetto, per variare un pò. 


ma troppo spento non va bene, quindi per fare in modo che sia anche un po' più intenso ci passo sopra della matita acquerellata arancione. non importa che sia acquerellabile o meno, l'alcol del copic scioglie un po' il colore, ma lascia una texture leggermente ruvida che tuttavia non disturba eccessivamente. Così uso questa matita anche per dare un pò di calore alle gote e qualche ombra al viso di cappuccetto.


Fatto questo è il momento di sciogliere la matita arancione passando E00. per cappuccetto scelgo una stesura quasi uniforme, mentre per il disegno a destra, composto da parti più ampoe come i pettorali, devo creare delle sfumature verso il bianco. il fatto che sia pallido e in penombra, giustificherà il grigio come ombra.

piccolo appunto. avrei potuto passare il grigio dopo, ma dato che volevo che fosse molto leggero e nei copic il colore che viene passato per ultimo ha più influenza sugli altri, ho deciso di passare il color pelle alla fine perchè fosse più intenso.

Passiamo ora al rosso, R59.
lo uso con la punta quasi verticale per avere linee appuntite e sottili sui capelli del ragazzo a destra, facendo attenzione a lasciare più luce bianca di quanto vorrei, dato che dopo interverrò per creare delle sfumature.
per cappuccetto lo passo sulla mantellina lasciando completamente bianche le zone di luce, e anche qui tornerò dopo con una tecnica che si chiama tip to tip, cioè, punta a punta.


Significa far toccare le punte di due copic in modo da macchiare quello chiaro di quello scuro (in questo caso E00 e R59). Dato che la punta dei copic è fatta per non macchiarsi facilmente e rilasciare subito eventuale colore estraneo appena passato sulla carta, si ottengono brevi sfumature molto intense, non sono assolutamente adatte a grandi zone lisce, così sfritto queste piccole pennellate per andare a sfumare le parti lasciate bianche per le luci, o i petali di rosa.


Per ultimo il colore verde, YG67.
passato sugli occhi di cappuccetto assume un tono più chiaro grazie all'acrilico bianco messo prima. mentre sullo sfondo completa il disegno. per esagerare ho messo anche qualche rametto XD e oltre a tutto questo una passata di pastello giallo mi aiuta a dare luminosità a tutta l'illustrazione. infatti la manica il fiocchetto (e anche i capelli) contengono della matita gialla, sciolta poi con E00 che conferisce quella nota calda. giallo e arancio sono stati dati leggermente anche sulla mantellina rossa per ravvivare un pò il rosso scuro.


Sappiamo tutti che il verde è fatto da giallo e blu, così ho usato queste due matite per creare un pò di volume tra le foglie, facendone emergere più livelli grazie al gioco di chiaro (col giallo) e scuro (col blu).


per i capelli e il gilet del luto mi sono servita dell'ultimo colore, E47. sfumato con la tecnica tip to tip con E00 e infine ravvivato con una leggera passata di matita gialla, come se avesse dei riflessi biondi!

Completa tutto qualche dettaglio aggiunto a molotow bianca extra fine, come le lucine negli occhi, la correzione di qualche sbavatura, e qualche filo o puntino strategici per attirare lo sguardo o separare un pò le figure dallo sfondo.

Spero che sia stato un tutorial d'ispirazione nonostante le brutte foto!

Alice

mercoledì 30 novembre 2016

0 Color chart: Winter is coming!

Ebbene si, l'inverno è finalmente arrivato. (cit)
.
.
.
Scherzi a parte, oggi vi propongo una color chart a tema FREDDO.
Non c'è niente di meglio di una bella sciarpa calda, se poi ci aggiungiamo anche la persona che ci piace....ancora meglio! 
Stavolta le mie cavie sono Luna e Nicolas, personaggi di un fumetto che sto per pubblicare "Loosers".



[Immagine finita]


Qui sotto vi allego qualche foto, insieme alla chart usata! 








Per la sciarpa ho dovuto usare la famosa "maschera con scotch di carta"
prima di attaccare lo scotch sul disegno ricordatevi di togliere un po' di colla passando la striscia di scotch sui pantaloni, perchè c'è un alto rischio che resti incollato al foglio, e ciao ciao disegno XD






Una volta steso il colore da entrambi i lati, prendete un pennello a punta fine e "pucciatelo" nel blender 0 (various ink) punzecchiando tutte le aree colorate!




[Il maglione di lei è stato realizzato con la scala di W: W0, W2, W3 e W5 con qualche riflessatura di B00, la giacca di lui: BV25, BV29  e RV69 ]


Per ora è tutto, vi lascio una foto del mio ordinatissimo tavolo da lavoro in fase "tutorial" X'D 




CIAUZ!



Chichiri Yuki


lunedì 28 novembre 2016

0 Buon Compleanno

Ciao a tutti e buona settimana . Eccomi qui con un nuovo post per il nostro consueto appuntamento del Lunedì.
Questa volta, per prendere una piccola tregua dalle immagini natalizie,  ho scelto un timbro di Make It Crafty "Amelia's Puppy" una ragazzina che stringe tra le braccia il suo peluche preferito.
Ho utilizzato colori molto brillanti per rendere ancora più fresco e allegro il timbro.L'ho ritagliato e ho realizzato una bella card di auguri che presto accompagnerà un regalo di Compleanno. 
Chissà chi sarà la destinataria??? 😉😉😉
Grazie per avermi seguita , al prossimo post e vi mlascio la lista dei colori che ho utilizzato per la mia colorazione.
Ciao ciao
Copic used:
Pelle: R00000/000/00/20 
Capelli: E 70/71/74/77
Outfit:Y11/13/18/19   B21/23/24/26/37
Peluche : W3/1/0  R20/22

Grazie per la visita 


venerdì 25 novembre 2016

1 Copic non solo per colorare la carta..


Buongiorno, 

La settimana scorsa ho dimostrato diverse tecniche con i Copic 
durante la fiera Hobbyshow ad Bastia Umbra (PG) . 
Tante persone mi hanno chiesto se erano colori per il tessuto.

Ho spiegato che i pennarelli Copic nascono per la carta ,
 per disegnare a mano libero , per disegnare dei fumetti,
per creare dei disegni tecnici
 o ad colorare dei timbri per esempio.


Ma possono anche essere usati per colorare ;
- dei strass 
- dei nastri di raso
- delle perline usati nello scrapbooking per esempio.

Per questo biglietto di Natale ho combinato diversi modi di usare i Copic.

Ho "tinto" il nastro bianco di raso usando 2 colori di Copic e la soluzione "Activator ",
in questo modo il colore non è uniforme ma ha delle sfumature diverse.

Ho colorato la carta lucida* in stile acquarello ( * Cromolux ) 
usando 2 colori di Copic e la soluzione "Activator ".

Ho colorato dei strass usando 2 colori di Copic.

Poi avete visto il nuovo colore di Copic multiliner?
  Per aggiungere delle finte cuciture ho usato il nuovo colore di Copic Multiliner : lavanda.
Stupendo ! 



Fustelle : Magnolia, My Favourite Things die-namics, Nellie Snellen
Timbro : Marianne Design

Copic :

BV 04, BV 08
Copic Multiliner Lavender 0.3 
Activator 

A presto,
un abbraccio

Blankina



mercoledì 23 novembre 2016

0 Tutorial: Esplosioni Parte I - Fuoco

Ciao a tutti e ben ritrovati!!
Questa volta andiamo sullo shonen puro, voglio presentarvi uno dei tanti modi in cui potete colorare le vostre esplosioni infuocate, siano esse dovute a un combattimento serrato, alle tecniche di un guerriero o alle potenti magie di un incantatore.



Nel tutorial che segue vi presenterò due tipologie di esplosioni, quelle "a stella" e quelle "a fungo"; i nomi chiaramente sono inventati, ma secondo me descrivono bene la forma che descrivono

Nel primo caso, dovete avere in mente più o meno un fuoco d'artificio; come sempre, Google è utilissimo nel fornirci immagini da prendere come riferimento


 Come palette ho scelto di usare 5 colori:
-Y13
-Y35 (si può evitare, infatti l'ho usato pochissimo)
-Y38
-YR15
-R05

Prima di tutto ho creato il cuore della nostra stella: ho fissato a matita un piccolo punto nel centro e con delle rapide pennellate ho creato delle linee verso il centro

 Poi con Y35 ho ripassato il centro, partendo questa volta dal centro e andando verso l'esterno; dato che è venuto troppo scuro rispetto a quello che avevo immaginato, ho deciso che col bianchetto avrei aggiustato la "macchia" che si è creata.

Soprattutto, con Y38, utilizzando sempre delle pennellate rapide dall'esterno verso l'interno, ho creato il secondo livello dell'esplosione; dovete immaginare di procedere a cerchi concentrici, nella parte più vicina al cuore dell'esplosione va il colore più chiaro e via via virate verso il rosso.


Come vedete non sono stato uniforme nella distribuzione, l'esplosione è tutt'altro che uniforme, quindi anche la forma deve essere irregolare :)

Con Y13 ho ripassato l'area precedentemente colorata - sempre con le solite pennellate, questa volta dal centro verso l'esterno; poi per staccare le due zone ho usato YR13. Volevo un effetto non omogeneo


Come ultimo passaggio, ho usato R05 per creare la corona esterna; nuovamente, prima ho creato la raggera 


Poi, usando Y38, sono andato a coprire le zone bianche che avevo lasciato tra la zona intermedia e quella esterna.
Purtroppo l'R05 era bello carico e mi ha fatto ste due mega macchie che non sono riuscito ad aggiustare :(


Nell'ultimo passaggio, ho ripassato ancora con Y38 alcuni punti della raggera interna, mentre con R05 alcuni punti della raggera intermedia; le aree sono rimaste abbastanza separate, ma non così tanto da dare fastidio alla vista.

Infine, col bianco, ho creato dei punti luminosi, come fossero scintille incandescenti






Passiamo adesso alla tipologia "fungo". Avete presente la classica esplosione da film americano? Ecco, quella.


Come mostrato nello schema, l'esplosione si sviluppa in due "direzioni": il violento e improvviso sprigionamento di energia fa salire velocemente il gas verso l'alto e proprio in alto si crea la cosiddetta "palla di fuoco", che nient'altro è se non l'espansione rapida del gas in una forma sferica.
Quindi colorando dovremmo tenere conto di questi due movimenti e modulare la colorazione di conseguenza.

In questo caso ho usato una palette più ricca della prima, ovvero:
-Y13
-Y38
-YR15
-YR68
-R05
-R29
-E18
-E49
-W5

Prima di tutto, ho creato una bozza dell'esplosione e con Y13 ho colorato la base più chiara


Questa volta, al posto di pennellate rapide, ho usato i copic per creare delle "nuvolette": le zone di colore cambiano velocemente dall'una all'altra, infatti sono stato poco ordinato nell'uso dei colori (scusate :/ ); come vedete nello step successivo, ci sono già zone colorate con Y38, YR15, R29 ed E18 (sotto ho indicato i colori puntualmente)


In questa foto vedete meglio i vari colori; come vedete le zone di colore seguono un pattern: la zona centrale dell'esplosione è chiara, mentre man mano che si va verso il bordo i colori tendono al marrone.
Dato che la colorazione è abbastanza netta, ho dovuto usare tanti colori altrimenti ci sarebbe stato troppo stacco tra un livello e l'altro.

La forma che ho dato alle varie pennellate è sempre quella a metà strada tra una nuvola e una fiammata, in quanto è proprio l'anima dell'esplosione :)


In alcune parti, il fumo è talmente denso da diventare prima scuro e poi grigio fumo; ho usato E18 e E49 per la parte scura della nuvola, mentre con W5 ho colorato il fumo


La parte alta della nostra esplosione fungosa è terminata, resta da dare la base; i procedimenti sono simili, prima con Y13 ho steso la base chiara


Con gli altri colori, similmente a prima, ho steso le varie aree; in questo caso, dato che nella base non si sviluppa la nuvola, le zone di colore sono più simili a fiammate verticali.


Infine, piccolo bonus extra :)
Nel caso in cui vogliate disegnare anche altri oggetti oltre all'esplosione (plausibilissimo), dovete ricordarvi che anche l'ombra si irradia secondo le linee date dall'esplosione.

Ad esempio, supponiamo che un fierissimo mago nero se ne vada dopo aver lanciato il suo incantesimo di fuoco; l'esplosione alle spalle del mago è la fonte di luce principale nel disegno e surclassa di gran lunga quella del sole o della luna, quindi le ombre si stendono partendo dal centro della detonazione


Come vedete, l'ombra tracciata per terra è in linea con le linee (scusate il gioco di parole) dell'esplosione


Ho montato per "gioco" l'esplosione di prima col mago davanti e l'effetto non mi dispiace! :) Col nero e l'arancione sul mago ho indicato dove devono essere messe le ombre più scure, mentre il contorno rimane in luce - e anche la lineart risulta più chiara.


Sperando vi sia piaciuto e vi possa essere utile, vi lascio al prossimo appuntamento in cui continuerò a parlare di esplosioni, vedendo come si comportano altri elementi :)

Matteo Dodo