mercoledì 30 settembre 2015

4 Tutorial: Riflessi metallici come distribuirli




Oggi riprendo qualche approfondimento sul tutorial dell'altra volta, i riflessi metallici. Avevo già fatto una piccola infarinatura lì con questa foto, ma volevo spiegare meglio il principio. Come si fa a capire dove vanno messi i riflessi? E con che forma?

E' facile dire 'devi immaginare in maniera tridimensionale'...

come si fa?


Ho cercato un esempio semplice e facile da capire e ho immaginato di semplificare le forme del disegno con una griglia, uno di quei reticoli, una di quelle griglie che delineano i volumi negli oggetti lavorati in 3D.

Insomma, volevo fare un intero tutorial su questa cosa e poi mi sono resa conto che il modo più semplice in cui potevo spiegarlo, era... disegnandolo. XD


Ho preso un foglio di acetato trasparente e ho ricalcato le linee dei volumi. anche posizionato accanto al disegno, senza nessun contorno, si capiscono bene le forme.


Poi ho colorato le parti del disegno che non interessavano il tutorial. per la cronaca, per la pelle ho usato E 13 di base ed E33 per la pelle, poi RV34 ombreggiato con RV19 per i capellli.  B12 e B26 per gli occhi. 


Ho scelto una gamma di colori spenti, ma non grigi. Le fasce scure sono quindi tonalizzate con B23 e BV23, mentre i toni chiari con B60 e B32.
Questo per dare un pò di brillantezza al disegno, vedere cangianze nei riflessi è sempre interessante!

Sono partita infatti dal B23. Posizionando tutte le ombre. Le punte, come detto nello scorso tutorial sono tremolanti e affilate, per conferire un effetto 'liquido', persare in movimento aiuta. Non è bello immaginare un riflesso che si buove sul braccio dell'armatura man mano che questo si sposta nell'aria, come se fosse attraversato da un flusso? 
Lucido. Liquido. Sono i criteri che tengo a mente quando cerco di colorare effetti metallici!


Con BV23 vado a tonalizzare e sfumare le parti che ho lasciato aperte col colore precedente, badando bene a lasciare gli spazi vuoti per gli altri colori e i riflessi. dalla foto sopra di vedono bene i due passaggi, dove BV23 va a completare alcune parti lasciate aperte dal B23.


Gli spazi rimasti bianchi vanno quindi gestiti tra tre colori: B32, B60 e bianco. la maggior parte delle luci starà a destra, direzione da cui proviene la l'illuminazione, quindi cerco di riempire principalmente le parti a sinistra e al centro. nella foto sopra ho sottolineato, per chiarezza, le zone che ho riempito di colore B32.
Qua sotto invece, l'aggiunta del b60, che completa le zone, le 'fasce' iniziate con B32.


Ed ecco qui. in sè è una serie semplice di passaggi.
...più facile da fare, che da spiegare.
Ho rifinito con uno sfondo semplice: una passata uniforme di B39, su cui ho realizzato dei bagliori, premendo in maniera circolare del B00 e un pò di Y11 al centro. il tocco finale, dei puntini bianchi fatti con una penna acrilica bianca Molotow.



Spero che questo metodo della griglia tridimensionale sia stato utile a qualcuno, alla prossima! Alice


venerdì 25 settembre 2015

0 Un tenero abbraccio

Buongiorno Copic Fans!

E' di nuovo il mio venerdì ed ho pronta una nuova ispirazione di Paper Crafting.
L'immagine è di Mo Manning e i protagonisti sono due bimbi che si scambiano un tenero abbraccio:



(Immagine: Mo Manning - Hug)


♥♥♥

Li trovo molto teneri e mi fanno pensare ai miei bambini e a come da piccoli non facciano differenza tra amicizie maschili e femminili, legando con tutti allo stesso modo

 
(Immagine: Mo Manning - Hug)


...bè anche se in realtà la mia Camilla, che è ormai in prima elementare, cominicia a fare la smorfiosetta con i maschietti! Ma, si sa, le donne hanno una marcia in più!!!

♥♥♥

Per questi due bimbi ho abbandonato lo stile Clean and Simple ed ho creato una card romantica e ricca di abbellimenti; direi che fiori, nastri e pizzi si abbinano benissimo alla loro tenerezza.





(Immagine: Mo Manning - Hug)


♥♥♥

Spero che il mio progettino vi sia piaciuto :)
Buon fine settimana!

Franz.








Copic:
 
Incarnato: E000, E00, E11,  R20 per le guancette
Femmina:
   Capelli: E00, E13, E15, E18
   Outfit - Rosa: RV000, R81, R83, R85, R89
   Outfit - Bianco: W1, W3, W5
Maschio:
   Capelli: E50, E51, E53, E37
   Outfit - Verde: G12, G24, YG63, YG69, 100
   Outfit - Blu: B0000, B91, B93, B95, B97, B99
   Outfit - Bianco: W1, W3, W5
 





lunedì 21 settembre 2015

0 Everything is better with a friend

Ciao a tutti e buon Lunedì.
Sono  tornata a regime delle consuete attività quotidiane perchè ho finalmente metabolizzato il fuso post-vacanze, evviva !!
Bene ci siamo accorti tutti che le scuole sono ormai ricominciate, e con esse anche le varie attività fisiche correlate .
Ricordando i miei trascorsi scolastici ,oggi condivido con voi una nuova card ispirata alla pallacanestro.Infatti in gioventù il basket è stato uno sport che mi è capitato di praticare .. a dire la verità con scarso entusiasmo e altrettanti scarsi risultati..LOL.
Comunque il timbro “Sport Star” di The Paper Shelter è troppo bello che non sono riuscita a resistere.La piccola Star della pallacanestro mi ha ispirato subito simpatia, e non ho potuto fare a meno di colorarla.
Per l’outfit ho utilizzato le tonalità del rosso , colore che non utilizzo molto,ma quando lo faccio mi dà sempre un sacco di soddisfazioni. 
La famiglia dei “rossi” è un po’ particolare e va gestita con un pochino più di attenzione delle altre, ma l’impatto e i risultati sono davvero molto belli.

Per realizzare la mia card ho utilizzato bazzil, pattern My Minds Eye e Basic Grey, sentiment Hero Arts.
Grazie per avermi seguita, a presto
Copic utilizzati:
 Pelle E 000/00/21/93/95  R20/22
Capelli: E 21/23/25/27/29/59
Outfit: R 20/22/24/29/59    Y00/02/08
Palla: YR 07/04/01/00  E 07   Y38
Panchina: E 30/31/33/35/57/29

Sfondo: W5/3/1/0

Grazie per la visita 



venerdì 18 settembre 2015

5 Wedding card with money pocket LOTV


Buongiorno!

Un biglietto da Matrimonio serve sempre...
Ho preso il mio timbro di gomma di Lili of the Valley (LOTV ),
non è nuovo ma è uno dei i miei preferiti.

Come base ho tagliato un rettangolo di carta con le righe con una fustella di MFT,
poi in ogni angolo una bella decorazione tagliato con una fustella di Marianne Design.

Sopra un fiore e un nastro.

Gli sposini sono stati timbrati sopra una bandiera grande.
Ho anche cucito due bottoncini di legno sopra la bandiera.
Sotto ho inserito un tag porta soldi, ho creato un po' di spazio 
usando dello scotch "3d" alto.



Qui ho tirato fuori il tag porta soldi...


Il tag è fatto da una bandierina (MFT ) 
 e un tag classico ( Marianne Design ),
legati con un nastro.
La scritta è un timbro di MFT.
I bordi sono stati "sporcati" con distress ink ( antique linen ).


Anche senza tag è carino.


Gli sposini....

Copic:

pelle : E 0000, E 000, E 00, E 02
capelli ( lei ) : E 11, E 13, E 15, E 18
capelli ( lui ) : E 31, E 33
cielo : B 0000, B 000, B 00, B 01
vestito ( lui ) : W 00, W 2, W 5, W 7
vestito ( lei ) : E 41, E 42, E 43 , colla a glitter
rose : R 20, RV 32, RV 34, E 04, R 39
foglie : G 40, G 43, G 46
pavimento: W 00, W 2, W 5

A presto!
Un abbraccio

Blankina




mercoledì 16 settembre 2015

0 Tutorial: Texture 04 - riflessi metallici



Allora, ultima fase di questo disegno.
Avevo tenuto l'innaffiatoio da parte per studiare un pò i riflessi metallici.  Essendo un argomento complesso, e soprattutto trovando complesso cercare un modo di spiegarlo in maniera semplice, ho pensato di dividerlo in due parti.


Oggi, qui, tenterò di spiegare il principio con cui ragiono i riflessi metallici, e prossimamente, analizzarne le varie applicazioni su varie superfici.




Ecco quindi una piccola introduzione.

Il metallo, quello lucido, è uno specchio.

Quindi, di fatto, al contrario di una superficie opaca che riflette solo la luce che riceve e le ombre che produce, una di metallo lucido è composta da ciò che la circonda. nella foto sopra è chiaramente visibile il flash dello scatto fotografico in quel puntino luminoso al centro, e sul lato sinistro, le altre sfere accanto a cui stava.


Ovviamente se siete geni come me -e io non lo sonoXD- il cervello non può calcolare ogni variabile. Per questo si SINTETIZZA.

l'importante è giocare di contrasti!

partendo dall'esempio di una forma opaca, (due veloci passaggi della colorazione. faccio una sfumatura con una base B00 sopra e B12 da metà in giù. Nella parte più chiara mi sono aiutata con un blender 0 per sfumare un pò.


Col b26 ombreggio la parte inferiore, il tutto mantenendo sempre la carta bagnata di inchiostro per avere sfumature morbide che si mescolano facilmente. Per 'Blendare' questo colroe più scuro ho usato un tono intermedio tra questo e il B12, cioè, il B21, per rendere tutto più omogeneo.)


al cui fianco, ho iniziato a lavorare la forma lucida.


I colori sono meno, ma sono più distanti tra loro come gamma rispetto a quelli di prima. parto col più scuro, un B39. l'importante è stenderlo praticamente piatto, aiutandosi con la punta del pennarello per ottenere uscite molto appuntite. I bordi più lunghi possono anche essere leggermente imprecisi e tremolanti, aiuteranno a conferire un effetto più naturale alla superficie.
Per esempio guardando una bottiglia, la linea bianca del riflesso di luce che si forma, non sempre è una striscia perfetta lungo il corpo cilindrico, nonostante al tatto e all'occhio la bottiglia sembri liscia.
Così mi piace variare leggermente la pressione mentre stendo il colore, per ottenere spessori non uniformi.


Continuo così. lascio posto per la luce in cima, lo scuro sotto, in mezzo il tono intermedio. solo che deve essere tutto più contrastato. Le due immagini che seguono potrebbero aiutarvi a capire meglio il procedimento mentale che bisogna fare:

disposizione delle zone di luce- ombra. da paragonare con la sagoma opaca

una sfera opaca contrastata grezzamente a photoshop aiuta a capire
come attorno alla luce vi sia una zona più scura del centro

Per finire, con B00 riempio lo spazio rimasto, facendo attenzione a lasciare del bianco puro in alcuni punti dove la luce è più forte, in aree ben circoscritte (infatti per delinearle meglio ho ripassato un pò di B05, un pò più scuro, attorno ai bordi bianchi)


Ho scelto di usare una gamma cromatica, in questo caso azzurro-blu, perché si vedessero meglio le differenze tra i toni. Ma in veritá assomiglia più ad una pietra preziosa che ad un metallo, vero? In realtà è solo un'impressione perché il modo di stilizzare i riflessi lucidi è lo stesso, ma se togo saturazione alla foto e metto tutto in scala di grigi... ecco qui che l'effetto cambia. un ciottolo e un pezzo di metallo!




Un argomento che vorrei trattare prossimamente è la modellazione delle luci e delle ombre metalliche su forme complesse, perchè mi pare una cosa che richieda una descrizione approfondita, ma come infarinatura generale, ecco un paio di piccoli esempi.

la forma allungata a nocciolina serve a mostrare come i riflessi (e con riflessi intendo anche quelli dell'ombra, insomma, le fasce di colore, non solo quelle di luce) seguano le forme dell'oggetto. La maschera è solo una versione più complessa, come esempio.



i riflessi seguono la forma
dell'oggetto fluidamente

Le tre sfere, invece, servono per mostrare come in un disegno non serva dettagliare così tanto ogni volta: dimensioni maggiori permettono maggiore quantità di dettagli, mentre per piccoli oggetti (poniamo, orecchini, piccoli gioielli) è necessario sintetizzare al massimo, o alla fine non si distingueranno più le fasce di colore e sembrerà un unica pallina pacioccata di inchiostro colorato!

Sono partita dalle ombre date con E47. come sopra, tutte le uscite sono appuntite. sulla maschera si può identificare un'unica striscia verticale che segue la forma del viso dalla fronte al mento, a destra. Dove questa fascia incontra il sopracciglio e l'occhio, si interrompe parzialmente, ma non sembra mai un rettangolo.  quando una fascia viene spezzata è importante che il taglio abbia dei giochi di curve e punte. 


per rendere il concetto. La fascia può essere singola, o come nella maschera, doppia, accompagnata da una più sottile accanto.


come tono intermedio ho scelto YR23. è un bel giallo ocra, molto caldo, adatto all'effetto oro giallo! Come nella sfera grande, si possono anche sfumare leggermente tra di loro i vari toni, purché mantengano sempre almeno un lato netto che fornisca contrasto


Per completare, lo spazio rimasto riceve un tocco di un bel colore brillante, Y15, per risaltare la lucentezza. i riflessi bianchi vengono così ben delineati.


Bene!

Dopo aver parlato di tutto questo, posso applicarlo al disegno!
e ottenere questo bell'innaffiatoio.




Ecco, per prima cosa sono partita dalle ombre.

le ho date col T-10, e sono più sottili e discrete rispetto a quelle viste prima.
Questo perché l'innaffiatoio non è un oggetto di lusso, quindi non sarà di un metallo lucido, ma leggermente opacizzato dall'usura. Quindi i contrasti saranno meno forti, sia per luci che per ombre, una via di mezzo tra lucido e opaco



Di seguito ho dato un grigio C-5, tonalizzato con un BV13. Dato che la luce proviene dall'alto a sinistra e accanto a destra c'è una folta pianta, ho tenuto il lato di destra in ombra.

Per contrastare ho tenuto luce e ombra a T10 a contatto, sul lato sinistro. Stessa cosa sul tubo dell'innaffiatoio, il becco. (successivamente ho anche scurito un pò una striscia per aggiungere l'ombra portata dal becco sulla superficie del corpo dell'innaffiatoio)


La zona centrale è chiara, riempita con un B60, e così tutto il resto.
Come dicevo prima è un oggetto leggermente opaco, quindi a parte qualche puntino di luce che ho dato alla fine con una penna acrilica Molotow bianca, non ci sono altri riflessi di luce pura. Tutto quello che è chiaro è B60.

Il tocco di classe finale è riprodurre sulla superficie un riflesso un pò indefinito di ciò che circonda l'innaffiatoio (che da noi si chiama anche annaffiatoio, perdonatemi se l'ho scritto male, sono sicura che da qualche parte mi sia sfuggito!)

Con un blender 0 premo la punta e schiarisco leggermente certe zone rotonde, che sarebbero i sassi, poi con dei verdi (G21, che è un verde chiaro molto spento, ottimo da usare su una base grigiastra come questa) tonalizzo la parte bassa che sta nell'erba e i riflessi delle foglie più vicine all'annaffiatoio.
Sempre col blender aiuto a diluire una puntina di marrone per la terra e di azzurro per il cielo, e voila!


Ecco il risultato finale, stavolta finale davvero! Qualche piccolo dettaglio con la penna molotow bianca, e finalmente questa illustrazione è arrivata ad essere completa!

Alla prossima per studiare un pò meglio i riflessi metallici!

Alice.








venerdì 11 settembre 2015

0 Si torna a scuola!

Ciao a tutti e buon venerdì!

Oggi ho una nuova ispirazione di Paper Crafting ed ho usato ancora una volta un'immagine Mo Manning.
Sono tra le mie preferite, le trovo molto simpatiche e divertenti da colorare!

 

♥♥♥

Secondo me si abbinano molto bene con lo stile Clean and Simple, almeno quasi tutte e sicuramente questa con un simpatico maschietto che se ne torna trotterellante a scuola, sembra quasi felice, anche se ripreso da dietro!

 

Eh si, ho un debole anche per le immagini di spalle, siano esse fotografie o disegni, non so perché, ma le amo!




♥♥♥

Spero che il mio progettino vi sia piaciuto :)
Buon fine settimana!

Franz.







Copic:
Incarnato: E000, E00, E11
Capelli: E00, E13, E15, E18
Outfit - Blu: B0000, B91, B93, B95, B97, B99
Outfit - Rosso: R22, R29, R35, R37, R39
Outfit - Grigio: C0, C1, C3, C5
Pavimento: W1, W2, W3, W5





mercoledì 9 settembre 2015

0 Tutorial: Tonalizzare in giallo


   Ciao a tutti e ben ritrovati!
   Ahimè piango ancora la fine dell'estate, ma è tempo di rimettersi all'opera...
   Oggi vedremo il mio amato Alvi in veste di aviatore, per il volantino promozionale di quest'anno per la rivista autoprodotta mia e dei miei colleghi, in occasione di un'importante fiera del fumetto.
   Ho scelto di vestirlo e colorarlo proprio come nel manifesto ufficiale dell'evento, per creare continuità. La versione originale infatti ritrae in primo piano proprio un aviatore/esploratore intento a scrutare un orizzonte pieno di nuvole e varie macchine e moto volanti, tutto con una gamma cromatica tipica del tramonto, con luci gialle e ombre blu/violacee.
   Per ricreare questo tipo di atmosfera vi rimando al tutorial sulle nuvole e a questo tutorial.

   Ma veniamo a noi! (purtroppo sempre a causa del trasloco il caricabatterie della mia macchina fotografica è andato disperso, quindi per evitare di farle orride con il cellulare ho preferito mostrarvi i dettagli del disegno scansionato)


   
   Ho preparato la lineart utilizzando carta Copic e Copic Multiliner 0.1



 
   Prima di tutto: ho passato il giallo Y11 su praticamente tutta la figura. In questo caso i punti di massima luce non saranno bianchi come al solito ma gialli, perché la condizione di illuminazione è particolare. Nelle zone con ombre più pesanti ho steso un velo di B63, che comunque verrà coperto dai colori più scuri in seguito, ma è molto utile per sapere esattamente dove ombreggiare.

   IL GIACCONE: sopra lo strato giallo creo prima le ombre profonde, con E87. Successivamente riempio tutto con YG63. Per fondere l'ombra con il resto, do una passata di G24 per mediare tra i due. Dato che le ombre devono comunque tendere al blu-violetto, le enfatizzo ulteriormente con BV29.
   Vi ricordate il discorso sui tessuti molto corposi e opachi nel tutorial sui tessuti?


   L'IMBOTTITURA: l'imbottitura interna tipo pecorella, va resa con la punta a pennello con una sorta di puntinismo. Sopra la base gialla ho piazzato le ombre prima con BV23, poi ho sfumato con Y21 e Y28. Tutto molto delicatamente e sempre a puntini più o meno grossi a seconda di quanta luce colpisce il tutto (più ombra = punti più grossi, e viceversa)

   LA CASACCA: per il verde è più semplice, ma spegnere il rosso richiede un minimo di accortezza, altrimenti si rischia di avere un buon risultato ma le parti in rosso che sono un pugno in un occhio perché troppo sature. Qui ho usato un R46, ombreggiato con BV25. Per desaturare il tutto, una volta asciutto il colore, ci ho passato sopra il marrone E39. Bottoni e rifiniture dorate sono fatte con Y28 (che amo per fare l'oro) e ombreggiate con BV23.

   I DETTAGLI: La cintura è riempita con E39, BV25 per le ombre. Lo stemma sulla giacca è sempre Y28 intorno allo scudo e R46 spento con E39 nella metà inferiore. Ombre con BV23.


   LA TESTA: Il cappello in pelle è E39 + ombre in BV25 e BV29, ombre date prima del marrone.

   LA PELLE: lasciando evidente la base gialla sul lato illuminato, coloro la pelle di viso e mani con E31 come tono intermedio, E33 per le ombre calde e BV23 per quelle fredde come sulla sinistra, collo-mento, e sulla mano sinistra sotto al binocolo.

   IL BINOCOLO: lasciando in giallo sezioni nette per rendere il materiale metallico, utilizzo BV25 e BV29. Con l'E87 invece la parte più vicina alla mano destra.

   GLI OCCHIALI: stesso discorso e stessi colori del binocolo, lascio solo la fascia in BV25 e la fibbietta in E87.

   Ci siamo? Ci siamo! Come vedete le palette colori non troppo ampie si rivelano sempre d'effetto, e tonalizzare in caldo è sempre un effetto che apprezzo molto perché declinabile in mille maniere diverse.
 
Buon Settembre a tutti!

Lidia